Disintermediazione: Si può davvero scegliere da che parte stare?

Disintermediazione: Si può davvero scegliere da che parte stare?

 

I “concorrenti virtuali” come tecnica utilizzano la stessa che impiegherebbero per vendere scarpe, libri, olio o cosmetici. Insomma, i comparatori (ma lo stesso vorrei dire per banche e poste) non hanno il know how specifico assicurativo che noi possediamo. Ed è questo un patrimonio straordinario, una competenza strategica che forniamo al cliente e che fa la grande differenza.
 

Pubblichiamo l'articolo di Anna Fasoli inviato in anteprima a tutti i soci UEA tramite newsletter di dicembre 2013 e poi pubblicato nel mese di marzo 2014 sulla rivista di settore "UEA Attualità"

 

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:30+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto