RC Professionale: perché assicurarsi è un atto dovuto di responsabilità verso sé stessi e gli altri

RC Professionale: perché assicurarsi è un atto dovuto di responsabilità verso sé stessi e gli altri

Quello delle RC rimane un tema ostico nell’immaginario collettivo. Come se firmare polizze Rc equivalesse a riconoscere una sfiducia nel proprio operato, un’incapacità o, peggio, a fare ammissione esplicita dell’intenzione di disinteressarsi degli effetti dei propri gesti. Non è così!

Anna Fasoli scrive per il numero de "L'Enologo" di marzo 2012.

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:41+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto