Glossario

Glossario2016-11-23T10:51:09+00:00

Spesso il linguaggio assicurativo, battezzato persino assicurese, è astruso e di difficile comprensione. Per questo abbiamo scelto di illustrare nel modo più semplice possibile alcuni dei concetti basilari che consentono di muoversi con più agilità tra polizze e contratti.

A

Accidentalità

Si riferisce alle assicurazioni di Responsabilità Civile Generale (R.C.G) secondo cui non si considerano accidentali (e quindi rimangono esclusi dalla copertura) i comportamenti colposi ripetitivi, perché si reputa che i risultati causati siano altamente prevedibili.

Addetti

Rientrano in questa categoria tutte le persone che prestano lavoro in una azienda: titolari, soci, dipendenti stipendiati e obbligatori, anche apprendisti, personale in prova e parasubordinati. Pertanto la polizza Multirischio per le PMI contempla anche il loro operato.

Aggravamento del rischio

L’espressione contempla ogni mutamento avvenuto dopo la stipulazione di un contratto di assicurazione e dovuto a cause improvvise e imprevedibili, ma di tale forza da modificare in maniera continuativa l’intensità del rischio assicurato. Quando questo accada, è obbligo dell’assicurato informare la Compagnia, tramite l’agenzia assicurativa. In mancanza di questa notizia, espressa con lettera raccomandata o per fax, l’assicurato può perdere il diritto all’indennizzo (parzialmente o per l’intero).

All risks

Letteralmente significa “tutti i rischi”, ma è soprattutto una strategia di marketing utilizzare una simile espressione, poiché , per la normativa vigente, è impossibile prevedere una copertura ad ogni evento. Si tratta comunque di polizze che contemplano ampia protezione da una vasta gamma di rischi, tutti specificati nella polizza.

Anticipo indennizzi

È una clausola che si può reperire spesso nelle polizze danni e che specifica la facoltà dell’assicurato che ha subito un sinistro grave di ricevere un acconto dell’indennizzo complessivo (che verrà successivamente quantificato in maniera definitiva) pari circa al 50% del totale stimato.

Appendice

Documento emesso unitamente o successivamente al contratto di assicurazione (di cui è parte integrante), firmato di comune accordo tra le parti, per modificarne o integrarne alcuni elementi.

Appropriazione indebita

Si differenzia dal furto nella fattispecie normativa di reato e pertanto configura un rischio non coperto dalla polizza furto.

Arretrati

Sono (premi) arretrati quelli che si riferiscono a polizze regolarmente perfezionate tra le parti ma non ancora incassate da parte dell’assicuratore. I tempi previsti prima di agire, da parte dell’agenzia assicurativa, per ottenere quanto spetta si aggirano attorno ai 2 mesi.

Attestato di rischio

Documento emesso nelle polizze di Responsabilità Civile Obbligatoria per veicoli e natanti (conosciuta di solito come RCA, e A sta per auto) da parte dell’Assicuratore. Contiene l’indicazione della classe di merito di provenienza e quella di assegnazione per l’annualità successiva. Deve essere consegnato al contraente almeno trenta giorni prima della scadenza della polizza.

Auto Rischi Diversi (ARD)

Si usa questa dicitura per indicare le garanzie accessorie alla RC auto (RCA). Comprende, per esempio, la tutela nel caso di furto, incendio, guasti accidentali, spese legali, ritiro patente, kasko.

B

Bancassicurazione

Indica le attività di vendita di prodotti assicurativi presso gli istituti di credito o, viceversa, di offerta di servizi di credito da parte delle agenzie di assicurazione.

Beneficiario

Persona fisica o giuridica che gode della prestazione prevista nel contratto di assicurazione, qualora l’evento assicurato si verifichi. Può coincidere con chi stipula la polizza(il contraente), ma può essere anche un terzo, indicato dal contraente all’atto di stipulazione della polizza.

Block policy

Tipologia di polizza, che si indirizza specificamente ad orefici, antiquari e mercanti d’arte, poiché prevede l’assicurazione di tutti i rischi caratteristici e intrinseci di simili attività.

Bonus a scadenza (terminal bonus)

Riguarda alcune polizze vita in cui venga stabilita, da parte della Compagnia, una maggiorazione della prestazione assicurata (nella misura prevista nel contratto), se, alla scadenza del contratto, l’assicurato sia ancora in vita ed abbia regolarmente pagato i premi pattuiti.

Bonus malus

Tipico della RCA obbligatoria, comporta l’assegnazione del veicolo da assicurare a classi di merito predefinite e comuni tra tutte le Compagnie. In assenza di sinistri, si scende di una classe (bonus), mentre qualora se ne siano verificati, si sale di due o più classi (malus) a seconda del numero occorso.

Bufera

Evento atmosferico che consiste in forte vento accompagnato da piogge, neve o grandine. È contemplato come copertura speciale nelle polizze Incendio.

C

Calamità naturali

Eventi catastrofici di importante gravità, indipendenti dalla volontà umana. Rientrano in questa categoria i terremoti, i maremoti, le eruzioni vulcaniche, le inondazioni, le frane, gli smottamenti, le valanghe e la siccità. Di regola sono ESCLUSI dalla copertura assicurativa.

Capitale assicurato (ramo vita)

Somma di denaro che la compagnia è tenta a versare al beneficiario di una polizza vita, all’atto della morte dell’assicurato o alla scadenza di un termine fissato (se l’assicurato è ancora in vita).

Capitale assicurato (ramo danni)

Il riferimento in questo caso va al bene o ai beni che costituiscono l’oggetto di tutela della polizza Danni stipulata. Il loro valore è quantificato dall’assicurato e deve corrispondere a quello effettivo del bene. Su questa base si determina l’entità dell’indennizzo da versarsi, da parte dell’assicuratore, qualora si verifichi il rischio per cui il bene o i beni sono stati assicurati. 

Capitalizzazione (contratto di)

Con questo contratto, l’assicuratore si impegna a pagare all’assicurato, dietro versamento periodico di un premi unici o periodici da parte sua, una somma di danaro rivalutata annualmente, a partire da un certo tempo stabilito nel contratto (e non inferiore a 5 anni).

Carenza

Temporanea inefficacia della copertura assicurativa, anche se il contratto è efficace ed operativo. La carenza si verifica in concomitanza con specifiche condizioni tassative e riguarda solo il ramo vita (è il caso di suicidio dell’assicurato, se sono trascorsi meno di 2 anni dalla stipulazione della polizza) e il ramo malattie.

Caso fortuito

Situazione umanamente non prevedibile e pertanto non evitabile con la normale diligenza. Se si verifica, esclude il diritto all’indennizzo.

Cauzioni (assicurazioni di)

Riguardano il ramo danni. Sono contratti che vincolano il contraente nei confronti di un creditore, che è l’assicurato beneficiario. Fideiussore è l’impresa assicuratrice.

Cessazione del rischio

Quando il rischio per cui si è stipulata una polizza cessa, il contratto di assicurazione è sciolto automaticamente.

Colpa

Espressamente indicata nel Codice Civile, articolo 42, la colpa è dalla giurisprudenza distinta i quattro gradi diversi (colpa lievissima, colpa lieve, colpa grave, colpa cosciente), la cui presenza determina conseguenze molto diverse in termini di responsabilità.

Condizioni di polizza

Sono le clausole che compongono il contratto di assicurazione. Si distinguono in condizioni generali (CGA), che riguardano gli aspetti generali della polizza (premio, durata, decorrenza ecc); in condizioni particolari, attraverso cui si ampliano o si diminuiscono le clausole di base previste dalla condizioni generali; in condizioni speciali, che ampliano o diminuiscono le condizioni generali con specifico riferimento ad una copertura assicurativa.

Constatazione amichevole di incidente (CAI)

È conosciuta dagli automobilisti come modulo blu. Compilandola in caso i incidente, permette di effettuare la denuncia di sinistro e di ottenere di essere risarciti direttamente dal proprio assicuratore, anziché da quella del responsabile.

Contro-assicurazione

Specifica garanzia che consente, nelle assicurazioni vita, il rimborso da parte dell’assicuratore dei premi versati dall’assicurato agli aventi diritto.

Coobbligato

Soggetto terzo cui si rivolge la società che ha stipulato il contratto di assicurazione per ottenere una garanzia accessoria nel caso di mancato adempimento da parte del contraente.

Copertura provvisoria

Documento emesso dall’assicuratore per taluni rischi, prima dell’emissione della polizza e del suo perfezionamento. Ha valore legale di un contratto, anche se di breve durata.

D

Danni consequenziali

Espressione utilizzata nel ramo incendio, ad indicare i danni causati non dall’incendio direttamente, ma derivanti dalle contestuali interruzioni di energia e anomalie nel funzionamento delle apparecchiature.

Danni indiretti

Conseguenze di un danno materiale che cagiona, a sua volta, altri danni connessi.

Danno

Si distingue in danno patrimoniale, se colpisce il patrimonio della vittima, e non patrimoniale, se comporta un detrimento nella sua sfera psichica e affettiva. Rientrano nel danno non patrimoniale il danno biologico, il danno esistenziale e il danno morale; mentre è considerato danno patrimoniale il danno estetico.

Decennale postuma

La dicitura esatta è “Decennale postuma danni diretti all’opera” e si riferisce ad una polizza di Responsabilità Civile Generale per gli appalti, che copre l’assicurato sia con una garanzia indennitaria che con una garanzia risarcitoria quando si verifichi la fattispecie della rovina di edifici.

Deducibilità

Spese che vanno sottratte dal reddito imponibile di un contribuente.

Denuncia sinistri

Va effettuata al proprio assicuratore entro 3 giorni dall’avverarsi del fatto o dal momento in cui l’assicurato ne è venuto a conoscenza.

Detraibilità

Nel caso di stipulazione di polizze vita e infortuni, il contraente può detrarre una parte del premio (in misura fissa ed entro un tetto massimo stabilito per legge) direttamente dall’imposta sui redditi dovuta.

Disdetta

Dichiarazione espressa attraverso cui una parte comunica all’altra la decisione di non rinnovare un contratto, la cui proroga, alla scadenza, tacita. Nei contratti di assicurazione è richiesta la forma scritto, con lettera raccomandata o, talvolta, anche con fax.

Dolo

Concretizza la previsione e volontarietà di causare l’evento dannoso. Pertanto comporta la decadenza dell’obbligo dell’assicuratore a tenere indenne l’assicurato per i danni così cagionati.

E

Esagerazione dolosa del danno

È una condizione che fa decadere il diritto all’indennizzo. Consiste in un comportamento doloso, messo in atto dall’assicurato per ottenere un indennizzo superiore a quello spettante per il danno davvero subito.

Estensione di garanzia

Attraverso questa clausola, la copertura assicurativa viene estesa anche a rischi e situazioni di regola non previsti nella polizza base o da essa espressamente esclusi.

Estensione territoriale

Espressione che designa l’ambito geografico entro il quale è operante la garanzia assicurativa.

Extended coverage

Testualmente “copertura estesa”. L’espressione si ritrova nelle polizze incendio, quando ricomprendono eventi atmosferici eccezionali o dolosi di terzi, di regola esclusi dalla copertura base.Tra gli eventi atmosferici: uragani, bufere, grandine, tempeste, trombe d’aria, vento e oggetti da questo trasportati. Rientrano in questa tipologia, come eventi speciali, anche scioperi, tumulti, sommosse, atti di terrorismo e sabotaggio, definiti eventi socio-politici eccezionali.

F

Fabbricato

Nelle polizze Incendio, designa l’intera costruzione, comprensiva di fissi e infissi, opere di fondazione e interrate, oltre a impianti e pertinenze.

Facoltà di recesso

È riconosciuta ad entrambe le parti e riguarda la possibilità di far cessare il contratto prima della data stabilita per la scadenza. È soggetta a condizioni particolari.

Fenomeno elettrico

Garanzia accessoria, che può essere prevista nelle polizze Incendio, per coprire i danni cagionati (in assenza di fiamma) a macchinari e impianti assicurati dall’impianto elettrico (corto circuito/scariche ecc).

Fermo tecnico

Danno cagionato dal numero di giornate necessarie per le riparazioni di un veicolo o macchinario rimasto  danneggiato o colpito da un guasto o da un sinistro.

Flottante

Forma assicurativa utilizzata nel caso di beni soggetti a valore notevolmente mutevole, consentendo al contraente di coprire, di volta in volta, senza complicazioni, le eccedenze rispetto ai valori stabiliti come base.

Franchigia

Si applica sulla somma assicurata. È espressa in cifra fissa o percentuale e rappresenta la parte dell’eventuale danno di cui l’assicurato si fa carico da sé (forma di autoassicurazione) e che non gli verrà pagata dall’assicuratore. Una simile condizione, scelta volontariamente dall’assicurato, gli consente di solito di avere uno sconto sul premio della polizza.

Frequenza

Riferita ai sinistri, rappresenta il dato più importante da monitorare per il calcolo del premio.

Fulmine

I danni cagionati dall’azione di un fulmine sono di regola coperti dalle polizze Incendio.

Furto (Assicurazione del)

La polizza Furto prevede un indennizzo per i danni materiali e diretti derivanti all’assicurato da furto, rapina, guasti cagionati dai ladri. Non rientrano nella polizza base i casi di furto con destrezza (ricompresi eccezionalmente solo in talune tariffe).

G

Garanzia

Sinonimo di copertura.

Gelo

Garanzia accessoria del ramo Incendio, indennizza i sinistri occorsi agli impianti pertinenti un fabbricato, purché non risultino inattivi oltre un certo periodo fissato (di regola 5 giorni).

Grandine

Rientra nel ramo Incendio per i beni mobili e immobili, mentre ha un ramo specifico per le assicurazioni relative ai prodotti del suolo, la polizza che indennizza l’assicurato dai danni causati da acqua congelata ad alta quota nelle nubi, che cade sotto forma di chicchi di ghiaccio e danneggia le colture.

Guasti cagionati da ladri

Rappresenta una garanzia accessoria per la polizza Furto e copre i danni eventualmente causati dai ladri agli infissi e al locale dove si è consumata l’effrazione.

H

Hardware

Indica la parte strutturale delle apparecchiature elettroniche ed elettriche.

I

Impianti d’allarme

Sono di regola imposti dall’assicuratore per le garanzie ramo Furto. Esiste un elenco dei sistemi ritenuti affidabili e validi a questo fine.

Indennizzo

Prestazione data dall’assicuratore all’assicurato o al beneficiario di polizza, quando si verifica il rischio che è stato posto ad oggetto specifico del contratto di assicurazione. Si chiama diretto l’indennizzo pagato dall’assicuratore nell’ambito della RCA obbligatoria, in base al DPR n. 254 del 18 luglio 2006, che prevede, in presenza di constatazione amichevole, che il danno sia liquidato al proprio assicurato direttamente dall’assicuratore e non da quello della controparte.

Infortunio

Evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna, che produce lesioni fisiche obiettivamente constatabili, le quali abbiano come conseguenza la morte, un’invalidità permanente o un’inabilità temporanea.

Inondazione

Fenomeno naturale che si accompagna di solito all’allagamento, viene annoverato tra gli eventi speciali o extended coverage. La polizza non prevede, nella copertura base, l’indennizzo per i danni alle cose che si trovino per terra fino ad una altezza di cm. 20.  

Inquinamento

La dicitura inquinamento si riferisce ai fenomeni di contaminazione delle acque, del terreno, dell’aria e di ogni altro elemento naturale, tramite sostanze dannose per la salute. Per la stipulazione di simili coperture è stato istituito un pool tra imprese di assicurazione, poiché si tratta di polizze molto delicate.

K

Kasko

Letteralmente “scafo di mare”, è la polizza che copre gli autoveicoli per i danni che un veicolo può subire per eventi connessi alla circolazione, per esempio ribaltamento, scontro con ostacoli fissi o collisione con altri veicoli. Quest’ultimo caso rientra nelle garanzie auto rischi diversi.

L

Leasing (assicurazione)

Catalogata come garanzia “Rischi tecnologici”, la polizza copre i danni occorsi ai beni assicurati e oggetto di Leasing strumentale o immobiliare a seguito di ogni evento accidentale non espressamente escluso dal contratto.

Long team care (LTC)

Si accompagna come garanzia accessoria a una polizza Vita, soprattutto come rendita vitalizia e prevede l’erogazione della prestazione assicurativa nel momento in cui l’assicurato perde la propria autosufficienza. 

M

Macchine mordenti

Utensili i cui scarti di lavorazione sono formati da trucioli, segatura o polvere. La loro presenza nell’opificio deve essere resa nota quando venga stipulata una polizza nel ramo Incendio.

Mancato freddo

Presentata nella forma “A primo rischio assoluto”, questa garanzia, accessoria alle polizze del ramo Incendio, è pensata per garantire gli esercizi commerciali che si occupano di merce deperibile, se uscisse per un certo periodo dalla catena del freddo.

Massimali di garanzia

Somme che l’assicuratore dovrà pagare in caso di sinistro; oltre tale cifra, le conseguenze economiche del danno rimangono a carico dell’assicurato.

Mezzi di custodia

Armadi di sicurezza, corazzati, casseforti, cassette di sicurezza, camere corazzate e di sicurezza. Per rientrare nella copertura Furto, devono rispondere a specifici requisiti del Tariffario Furto.

N

Negligenza

Comportamento colposo, derivante da mancanza di considerazione rispetto all’eventualità che un proprio comportamento (od omissione) possa cagionare danni a terzi.

O

Occlusioni

Chiusura o riduzione dello spazio interno di una conduttura cagionata da corpi esterni (non rientrano in questa causa le incrostazioni o le sedimentazioni). Rientra tra le condizioni delle garanzie contemplate dalle polizze Rami Danni.

Onda sonica

Prevista nelle polizze Incendio, la garanzia Onda Sonica si riferisce ai danni conseguenti in maniera diretta al passaggio di aeromobili e altri corpo in moto a velocità supersonica.

P

Partita di Polizza

All’interno delle polizze Furto, si usa suddividere i beni coperti da garanzia in partite, ciascuna indicante un “determinato tipo di beni all’interno di un singolo rischio di una determinata Tariffa”. Alle partite di beni corrispondono garanzie specifiche, denominate partite di polizza.

Periodo di assicurazione

Lasso di tempo durante il quale opera la garanzia assicurativa, a condizione che siano stati pagati i premi corrispondenti.

Polizza

Termine con cui si indica il contratto di assicurazione, deriva dalla parola latina pollicitatio, ossia promessa. Su una promessa si basa infatti il rapporto tra assicurato e assicuratore, precisamente la promessa che, qualora una data condizione (negativa) si avveri, spetterà al secondo sollevare il primo da determinate conseguenze.

Premio

In cambio della prestazione che l’assicuratore garantisce all’assicurato, l’assicurato si impegna a versare all’assicuratore un premio per il rischio di cui si fa carico con la stipulazione della polizza. Attraverso quel premio si sposta dall’assicurato all’assicuratore il rischio. Il mancato pagamento del premio comporta la sospensione della garanzia.

Prestazione minima garantita

Espressione utilizzata per le polizze del ramo Vita, ad indicare il valore minimo della prestazione assicurata sotto il quale non è possibile scendere.

Provvisionale

È l’acconto del risarcimento, accordato con sentenza dal giudice penale al danneggiato, che si sia costituito parte civile, se all’atto della sentenza non sia possibile procedere ancora alla liquidazione definitiva del danno.

Q

Quietanza

È la ricevuta che comprova l’avvenuto pagamento di una somma di denaro. Per esempio la quietanza di pagamento del premio da parte dell’assicurato che viene rilasciata dall’assicuratore.

R

Rapina

Reato regolato dall’articolo 628 del Codice Penale: è colpevole di rapina chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, si impossessa della cosa mobile altrui sottraendola a chi la detiene. Di regola è inclusa nelle polizze Furto, anche se va estesa specificamente, con una clausola speciale, che prevede un aumento del premio, nel caso in cui le persone su cui viene attuata la violenza o minaccia vengono prelevate all’esterno e condotte nei locali indicati in polizza.

Rendita

Somma versata periodicamente ad un soggetto. È temporanea, se dura solo per un certo lasso di tempo; vitalizia, se  versamenti proseguono fino a quando il beneficiario è in vita.

Ricerca guasti

Prevede il rimborso delle spese sostenute per trovare il punto di rottura accidentale di una conduttura o di impianti del fabbricato, di demolizione e per il ripristino di pareti, pavimenti e strutture. Rientra nelle polizze Incendio e Globale fabbricato civile.

Rimpiazzo

Operazione utilizzata per liquidare i sinistri del ramo Cristalli. Comprese anche le spese di trasporto, montaggio e oneri dovuti.

Risarcimento

Somma dovuta dal responsabile di un danno al danneggiato per risarcire il danno cagionato.

Riscatto

Facoltà del’assicurato di recedere dal contratto, ottenendo dall’assicuratore anticipatamente il valore di riduzione, comprensivo della penalizzazione prevista. Riguarda il ramo Vita, esclusa la tipologia di polizze Temporanee caso morte.

Rischio

Elemento fondamentale del contratto di assicurazione, al cui accadere scatta la garanzia per cui è stata stipulata la polizza. Può riguardare conseguenze dannose (nelle polizze Danni) o la vita umana (nelle polizze Vita).

Ritiro patente (polizza)

Prevede una diaria giornaliera per l’automobilista che abbia ricevuto il provvedimento di ritiro della patente, ma solo nei casi in cui questo sia stato motivato da incidente stradale che abbia causato lesioni gravi o morte. Non è previsto per semplici violazioni del Codice della Strada.

 

Rivalsa o surrogazione

L’assicuratore, che ha versato un’indennità, subentra nei diritti dell’assicurato verso i terzi responsabili. Non ha luogo, però, tranne che nel caso di dolo, nei confronti dei figli e degli altri congiunti stretti, o conviventi, e dei domestici.

S

Salvataggio

Contemplato nelle polizze Danni, riguarda le spese sostenute dall’assicurato, a seguito dell’avverarsi del sinistro, per ridurne le conseguenze o evitarle. Rimangono a carico esclusivo dell’assicuratore.

Scoperto

Di solito previsto insieme alla franchigia, costituisce la porzione percentuale del sinistro che resta a carico dell’interessato e quindi non indennizzato dall’assicuratore.

Scoppio

Si differenzia dall’esplosione, in quanto concretizza una rottura di contenitori per eccesso di pressione interna di fluidi. Non rientrano in questa copertura gli effetti del gelo e del colpo d’ariete.

Secondo rischio

È una forma specifica attivabile nell’ambito della RC generale. Prevede che l’assicuratore intervenga solo se il danno supera un dato ammontare (franchigia). Fino a quell’ammontare (franchigia), l’assicurato ha coperto il rischio con un’altra compagnia.

Sinistro

È l’evento futuro e incerto cagionante un danno per cui viene fissata la prestazione assicurativa. Esulano dalla copertura gli eventi cagionati da dolo o colpa grave dell’assicurato o del beneficiario.

Soprassicurazione

Se il valore assicurato e dichiarato nella polizza risulta superiore a quello effettivo (valore assicurabile), si configura soprassicurazione. Se ciò accade intenzionalmente, il contratto è nullo. In caso diverso, è valido ma solo fino al valore reale dei beni.

Sospensione

È possibile stabilire, con determinate condizioni, che l’efficacia di una polizza sia sospesa, senza estinguerla. Per ripristinarne l’efficacia è necessario farne richiesta (riattivazione). Esiste una forma di sospensione/riattivazione automatica, che scatta tutte le volte in cui il pagamento del premio è in ritardo e oltre il 15°giorno dalla scadenza della rata.

Sottoassicurazione (o assicurazione parziale)

Se il valore assicurato e dichiarato nella polizza risulta inferiore a quello effettivo (valore assicurabile), si configura sottoassicurazione

Sovrappremio

Riguarda il ramo Vita e si riferisce all’aumento di premio richiesto dall’assicuratore se l’assicurato sia in condizione che superi determinati livello di rischio o situazione di salute più grave di quelle normali. Questa fattispecie ricorre anche nei casi in cui l’assicurato svolga un’attività professionale o sportiva di particolare rischiosità.

Storno (di polizza o di premio)

Operazione contabile concessa dalla compagnia assicurativa all’assicuratore. Consiste nell’annullamento di rata di premio o di polizza, per l’impossibilità di ottenere il pagamento o per altre cause.

T

 

Tasso minimo garantito

È il rendimento minimo che l’assicuratore si impegna a garantire all’assicurato in una polizza Vita.

Terremoto

Scossa brusca della crosta terrestre. È ritenuto unico evento l’insieme dei fenomeni che si verificano nell’arco di 72 ore dalla prima scossa. Considerato evento eccezionale, rimane di solito escluso dalle polizze assicurative.

Terzi

Sono terzi, in senso normativo ed assicurativo, le persone che abbiano subito danni dall’assicurato purché non abbiano con lui particolari vincoli di parentela o di affinità.

U

Ubriachezza

Rileva come concetto nelle polizze Infortuni, sia nelle RCA, con regimi e conseguenze particolari, che prevedono la responsabilità personale della persona che cagioni danni in stato di ubriachezza.

V

Valore a nuovo

Si riferisce alle coperture che consentono di ottenere un indennizzo pari non solo al valore del bene assicurato al momento del fatto di danno, ma che comprendono anche le spese necessarie a riacquistare quel bene o ricostruirlo.

Vincolo

Quando è previsto in una polizza, il vincolo interpone un terzo, detto vincolatario, nel rapporto tra contraente (o assicurato) e assicuratore. L’assicuratore è così vincolato nei confronti del vincolatario.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto