Italia sorvegliato speciale

Italia sorvegliato speciale

 Non c’entrano le quote latte, questa volta, né le misure e gli incartamenti per registrare e tutelare prodotti dop o doc.

E neppure i bilanci vengono sbandierati questa volta. Fosse solo questione di conti, in fondo, ci abbiamo fatto il callo. Ma in realtà Bruxelles ci sorveglia e lo fa per una serie molto più complessa di questioni. Sono cinque i dossier “aperti a nostro carico”. Ce n’è per tutti: dall’arretratezza in tema di digitale, perché l’Italia è il solo paese UE dove il 37% dei cittadini non sa usare Internet, all’assenza di cautele se si tratta di inquinamento si passa alle questioni scottanti dell’omofobia e delle discriminazioni contro le persone disabili. Non stiamo facendo abbastanza per i diritti umani. Senza contare che, nonostante la ratifica italiana della Convenzione dell’Onu contro la tortura, nel nostro codice penale ancora questo abominio non configura reato. E un po’ di vergogna, qui, sì, bisogna riconoscerlo, la proviamo…

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:30+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto