Se a Expo il problema della contraffazione si combatte anche con un simbolo

Se a Expo il problema della contraffazione si combatte anche con un simbolo

  Il parere di Anna Fasoli

 

La bandiera italiana con tre onde che richiamano il concetto di crescita e di sviluppo e la scritta “The extraordinary Italian taste”: ecco il simbolo presentato a Expo 2015. Un’immagine, un “tatuaggio”, emozionale, veicolo di messaggio, ma anche immediato, appunto di pelle.

Anche questa è strategia per combattere il fenomeno più insidioso che attanaglia l’agro-alimentare italiano, uno dei prestigi riconosciuti al nostro paese in tutto il mondo.

Insomma se è vero che una stretta protezione normativa, controlli coordinati, sincronie internazionali rappresentano la strada irrinunciabile per combattere l’attacco alla qualità, genuinità e dunque anche alla salute di prodotti falsi, camaleontici, ingannevoli, anche l’occhio vuole la sua parte. Insomma a dire che una campagna davvero efficace passa sì attraverso la sensibilizzazione, l’informazione e la cultura, ma non possiamo dimenticare anche quale impatto abbia, nella “tribù globale” che ormai rappresentiamo, la forza di un simbolo.

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:19+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto