Il Far East del riso rischia di trasformarsi in un… Far west

Il Far East del riso rischia di trasformarsi in un… Far west

A Vercelli ormai si produce sotto costo. La colpa? Nessun dubbio, secondo gli agricoltori: il riso di Myanmar, Bangladesh, Laos e soprattutto Cambogia, che arriva in Europa a dazio zero e fa collassare il prezzo di quello prodotto in Italia. L’arborio, per esempio, è sceso dai 700 euro alla tonnellata del 2016 ai 300 di oggi. Meno della metà.

E la storia non riguarda un singolo, isolato. La storia è Storia per tutto il comparto, ormai in ginocchio.

Effetti identici su 4mila produttori agricoli significano sistema globale e un sistema che se crolla, rischia di portare con sé un numero enorme di posti di lavoro.

Allora che fare?

Riconvertire i campi a soia o a mais?

Qualcuno ci ha provato, ma se nel Pavese e nel Novarese si può, qui nel Vercellese è difficile. Senza considerare i vincoli burocratici, poi i tempi sono lunghissimi: almeno cinque anni.

E poi? Che ne sarà della tutela del prodotto tutto italiano?

 

ARTICOLI CORRELATI

2018-04-23T15:27:35+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto