Contro i furti delle due ruote scende …in strada… una app

Contro i furti delle due ruote scende …in strada… una app

Dici primavera e dici bici. Lasciate le auto in garage, appena sbuca un raggio di sole, le due ruote –ecologiche e silenziose – scendono in strada.

Non raggiungono le auto, è  indubbio (61% di penetrazione nel Belpaese), ma si fanno valere. In Italia si stima che siano ben 25 milioni quelle circolanti, vale a dire il 44% della popolazione ne possiede una. Con un solo guaio però: i furti. Che continuano a crescere. Ne vengono rubate 900 al giorno, quindi 320 mila l’anno. Sono 1 su 3 gli italiani ciclisti abituali (7 milioni di persone) che se ne sono vista sottrarre almeno una.

E dove se ne vanno queste bellezze di…bicicletta? Sul mercato illegale, “riciclate” soprattutto nell’Est europeo o in vendita su eBay.

La soluzione?

Accanto a Gps, allarmi più o meno sofisticati, mappe virtuali delle zone più “calde”, arriva anche una app. Ideata da un imprenditore palermitano, che si appoggia a registerbike.com un’anagrafe virtuale di bici e proprietari, la app offre due codici a barra da applicare sul telaio della bici e difficili da rimuovere. E in caso di furto, con i codici si risale al proprietario. Anche a 2000 chilometri di distanza.

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:21+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto