Contro la grandine. Il parere di Anna Fasoli

Contro la grandine. Il parere di Anna Fasoli

 

Ormai è divenuto un problema frequente. Eppure, per quanto conosciuto, l’impatto che sortisce nelle nostre campagne, nelle colture, sulle piante rimane devastante.

Mi riferisco alla grandine, fenomeno che colpisce a giugno ormai regolarmente l’Italia come la Francia, e molte zone dell’Europa.

I danni sono importanti. I costi vertiginosi. E lo sono per colori che dedicano alla terra ogni sforzo quotidiano. Lo sono per la rabbia anche di vedere scomparire frutta, uva, dunque vino, nella manciata devastante di pochi secondi.

Qualcosa nella cultura della protezione è stato fatto negli anni. C’è attenzione. C’è volontà. Polizze, innanzitutto. Meno aiuti diretti e maggior spazio alle coperture assicurative è il motto americano. Tecnologia, anche. Come in Borgogna, nel sud della Francia dove, da alcuni anni, sono stati adottati nelle coltivazioni dei generatori antigrandine. Per attenuare l’impatto del danno.

 

Anche se un altro strumento fondamentale esiste ed è la parola. Parlare del problema è già un inizio per risolverlo.

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:26+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto