Giardini e parole

Giardini e parole

 Quale binomio più invitante che quello di fiori e parole.

Da scoprire “viaggiando” (anche solo con un libro, ma lo si può fare anche nella realtà) verso quei giardini letterari che tali sono perché hanno accolto, nelle loro passeggiate quotidiane, e nei dialoghi, le attenzioni di grandi scrittrici e scrittori. È l’esempio di Monk’s House, la casa dove Virginia Woolf visse e scrisse con il marito Leonard, lui editore, ma anche vero responsabile del verde del giardino.

A ripercorrere la storia, tra siepi di tasso e fioriture stagionali, di quegli anni e del gruppo di intellettuali Anni Venti, che circuitò attorno alla grande scrittrice, un testo scritto da Caroline Zoob, dal titolo Giardino di Virginia Woolf (Edizione L’Ippocampo). 

Dall'inchiostro al pollice…verde, insomma!

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:21+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto