Per il vino è il momento del calice

Per il vino è il momento del calice

  Bicchiere batte bottiglia 1 a 0. Colpa della crisi economica, o forse merito di una cultura del bere che sta stimolando la voglia di assaggiare più nettari durante uno stesso pasto, ma senza esagerare nelle quantità, la tendenza è chiara quanto in crescita: vino è bello, al bicchiere è meglio.

A dirlo a chiare lettere i menù dei grandi locali, soprattutto gli stellati, abituati ad una clientela internazionale, che ama sposare ogni piatto con il consiglio del sommelier. La tendenza arriva a chiare lettere dalla Francia, dove la filosofia del calice è diventata assolutamente à la page. Uno studio della scorsa primavera, effettuato da uno dei grandi distributori di bevande, C10, ha rilevato che il 64% dei clienti dei ristoranti si è spostato verso il segmento del vino al bicchiere (ben il 77% tra quelli con meno di 25 anni) contro un 27% che predilige la bottiglia (percentuale che sale al 32% nella fascia over 50). Non male se si pensa che fino a qualche anno fa non si riuscivano a trovare che due, massimo tre tipologie di vino al calice.

Ma se questa differenziazione dell’offerta è possibile, ancora una volta il merito va alla tecnologia. E una tecnologia di nascita italiana (toscana, per la precisione, e fondata nel 2002) poi approdata in Francia. Si tratta dell’azienda Enomatic, che ha ideato dei macchinari che consentono la conservazione di una bottiglia aperta fino a tre settimane, senza alterazioni organolettiche. Come? Grazie a un sistema che prevede l’immissione di gas alimentare (come l’azoto). Per ogni centilitro di vino versato, il gas viene sostituito al’aria, evitando così l’ossidazione del liquido restante.

Il risultato, assicura l’azienda, è perfetto e va da un minimo di 10 giorni per i vini più delicati a poco più che tre settimane per gli altri. Con un vantaggio, assicurano anche nei grandi ristoranti stellati: che il cliente può offrirsi anche nettari che alla bottiglia avrebbero un prezzo davvero impegnativo. Un Château Latour 1988, per esempio, o un Chevalier-montrachet del 1999..che al calice fanno …98€.

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:29+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto