Clematide: un legame che non si spezza più

Clematide: un legame che non si spezza più

Nel 1569 in Inghilterra venne introdotta la Clematis viticella, erba spontanea dell’Europa del sud. E fu subito “amore”. Ne germinarono varietà differenti, oggi divise in tre gruppi e infinite ibridazioni.

Amatissima dalla Regina Vittoria, nelle specie Clematis Huldine, ha conosciuto nel corso dei secoli migliorie, che hanno aumentato la dimensione e la purezza del colore del fiore, che estende la fioritura anche all’autunno.

Ma questa pianta, dall’aspetto “furbetto” e delicato, ha un potere straordinario: unendosi alla pinta cui si marita, ne sfrutta i rami, creando binomi affascinanti. Come nel caso del nespolo e del pero. Per questo il suo nomignolo più comune è quello di viticella.

ARTICOLI CORRELATI

2017-09-25T14:23:11+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto