Il sommelier 2.0?

Il sommelier 2.0?

Già la tecnologia impazza e non risparmia quasi nulla, ma adesso, sembra, vuole entrare in uno dei “templi sacri” del senso del gusto più raffinato: il vino. 

 Eh sì, sembra che adesso i consigli su cosa e come scegliere, per bere bene, possano venire da uno schermo, da un sito ben congegnato e multisensoriale, da una app per iPad o iPhone, con tanto di Qr-code sull’etichetta della bottiglia. Per entrare nell’universo da cui quel vino proviene. Per consumare, con le bollicine e il profumo, anche la passione della storia che ci sta dietro. Sono solo alcune delle ingegnose idee che portano la firma di grandi cantine, come Donna Franca Florio (tra le più rinomata al mondo per il Marsala), o di emergenti di nicchia, come la trevigiana Perlage, dedita al biologico o la veneta Télos. Niente male!

 

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:39+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto