Il cibo che amiamo? Tutta questione di DNA

Il cibo che amiamo? Tutta questione di DNA

  Altro che ricordi d’infanzia e madeleines di Proust! 

A quanto pare nella scelta dei gusti e dei sapori non c’entra la memoria, ma il DNA. 

 

Lo sostengono due studi recentissimi, italiani, appena pubblicati sulla rivista scientifica Plos One.

A condurli Iole Tomassini Barbarossa, studiosa dell'università di Cagliari che collabora con la Rutgers University del New Jersey (Usa).

Fondamentale, dicono i ricercatori, nella scelta dei cibi alcune proteine salivari che ci fanno dire: questo sì, questo no.

Nessun capriccio insomma, nei rifiuti o nelle predilezioni. Se non quelli, appunto, di natura… che vengono dai geni.

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:19+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto