L’amore in famiglia (almeno negli acquisti)? È per le rate (ma occhio alle clausole nascoste)

L’amore in famiglia (almeno negli acquisti)? È per le rate (ma occhio alle clausole nascoste)

 Riprende il mercato dei prestiti. Dopo tre anni di "calma piatta" le famiglie ci credono ancora.

Forse il merito va alla fiducia che ritorna, o alle politiche monetarie UE,o invece al fatto che lo si è capito: per uscire dalla pastoia in cui ci si trova, la sola strada è innescare i consumi.

Lo hanno fatto le banche, che, dice Bankitalia, tra giugno e luglio, hanno segnato un aumento rispetto allo scorso anno rispettivamente dello 0,1 e 0,3%.

Ma chi fa sapere che agli italiani le rate piacciono, eccome, sono soprattutto le società specializzate in credito al consumo.

Secondo le indagini del barometro Crif semaforo verde che più verde non si può: + 6,3% nel mese di agosto, + 22% a luglio, e +8% a giugno.

L'soservatorio Prestitionline.it, un sito che si occupa di comparare tra loro le offerte al cliente, fa sapere che il 38% dei prestiti è stato destinato alla ristrutturazione della casa, anche grazie alle agevolazioni del bonus-casa. Segue l'acquisto di automobili usate, per il 19,1%.In terza posizione l'arredamento, in aumento del 15%, quindi le vetture nuove o a km zero. 

A rendere chiaro che la voglia di acquisto c'è, ma a piccoli passi. E, diciamo noi, con le dovute cautele. 

Perchè quelli che si firmano, sono contratti che spesso nascondono spiacevoli "sorprese" quanto a condizioni e clausole. Ragione per la quale, se possibile, vale la pena meditare di tutelarsi magari con una polizza. Che garantisca se non altro, in caso di contenzioso, la tutela legale pagata.

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:15+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto