Le famiglie risparmiano sui detersivi per la casa. Ecologia o economia?

Le famiglie risparmiano sui detersivi per la casa. Ecologia o economia?

A dirlo è Assocasa, il comparto di Federchimica che associa circa 100 imprese in Italia, con un fatturato globale oltre i 3 miliardi di euro e6mila addetti del settore. Per l’annuncio, non esattamente “festoso”,  si è scelta la presentazione del 20° Osservatorio sul mercato dei detergenti e dei prodotti per la casa, realizzato assieme a Nielsen.

Ma che cosa c’è dietro questo dato?

Se è certo che sono mutate le nostre abitudini domestiche, anche in uno dei segmenti più “rigidi” per italiani e italiane, quello dell’inflessibilità e tradizione nella pulizia della casa, il nodo è comprenderne le motivazioni.

Così, guardando le singole referenze, emerge che calano i vecchi detersivi in polvere (-7,8%), quelli per bucato a mano (-14,6%), le candeggine (-2%) mentre crescono i monodose, i detersivi liquidi, i decalcificanti, i brillantanti, insomma tutti quei prodotti che un tempo non esistevano.

Allora, grandi aziende, multinazionali, siete avvisate: per creare maggiore appeal (e fatturati), ci vuole più innovazione pure qui…

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:12+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto