Niente Imu, ma non saremo (affatto) più ricchi!

Niente Imu, ma non saremo (affatto) più ricchi!

È entrato in vigore il controverso Decreto legge 31 agosto 2013, n. 102 «Disposizioni urgenti in materia di Imu, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonchè di Cig e di trattamenti pensionistici», tempestivamente pubblicato sulla «Gazzetta Ufficiale» n. 204/2013.

Ma che cosa porta di nuovo per i bilanci familiari?

Niente Imu, prima di tutto, dopo il logorante e quasi comico toto-estate (ci sarà, non ci sarà…). Ma la batosta passa intanto alle imprese, perché tra le norme manca la deducibilità dell'Imu al 50% ai fini Ires e Irpef per gli immobili strumentali delle imprese e il ripristino parziale dell'imponibilità ai fini Irpef dei redditi derivanti dalle case sfitte e dai redditi dominicali dei terreni non affittati).

Ma il problema si sposta e lo fa sull’Iva. In altre parole, se il maggior gettito Iva previsto, che dovrebbe scaturire dai pagamenti dei debiti alle imprese dalla Pa e dalla sanatoria sul contenzioso sulle slot machine – non sarà sufficienti, il Governo potrà aumentare non solo l'importo degli acconti Ires e Irap m anche quello delle accise per complessivi 1,5 miliardi di euro.

Altra nota dolente: la dimezzamento della detraibilità delle polizze vita, che passa dagli attuali 1.291,14 euro a 630 euro per il periodo d'imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013. E si scenderà a soli 230 euro a decorrere dal periodo d'imposta 2014. Nella norma rientrano anche i premi vita e infortuni stipulati o rinnovati entro il periodo d'imposta 2000. 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:33+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto