Se a causa dei costi gli italiani rinunciano a curarsi. Il parere di Anna Fasoli

Se a causa dei costi gli italiani rinunciano a curarsi. Il parere di Anna Fasoli

Undici milioni: tanti sono gli italiani che, a causa delle spese troppo alte, hanno rinunciato a curarsi quest’anno. Due milioni in più del 2015. A dirlo un’indagine del Censis commissionata da Rbm Assicurazione Salute

A mettere il dito nella piaga si fa presto: anziani e giovani i più colpiti, ovvero coloro che non hanno alcuna solidità economica per accedere alla (costosa) sanità privata.

Gli altri, se possono, attingono ai risparmi personali. Tanto che è aumentata a ben 34,5 miliardi di euro la spesa sanitaria privata. Tutto di tasca propria.

A soccorrere in questa situazione potrebbero arrivare le compagnie assicurative. Una polizza sanitaria o infortunio, infatti, potrebbe davvero salvare. Meglio se a costi agevolati, magari grazie alla creazione di convenzioni ad hoc, in cui anche lo Stato ci metta del proprio. O se non lo stato, almeno comuni e provincie.

Né mancano gli esempi virtuosi, soprattutto a favore della terza età. Ma qui la “virilità” della diffusione e dei grandi numeri, dunque, ne determinerebbe anche il successo.

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:13+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto