Supermercati sul piede di guerra. Al grido di “Abbasso i buoni pasto”

Supermercati sul piede di guerra. Al grido di “Abbasso i buoni pasto”

È un mercato che vale tre miliardi l’anno e coinvolge due milioni di italiano. Stiamo parlando dei buoni pasto, vero e proprio ausilio per salvare i carrelli dalla “sindrome” ormai diffusa nelle nostre famiglie: quelle della quarta settimana.

Il numero di coloro che faticano ad arrivare alla fine del mese è in crescita vertiginosa e allora quei voucher che dovrebbero servire per la pausa pranzo durante le giornate di lavoro, si “trasformano” in pasta, zucchero &co alle casse di negozi rionali o i supermercati. Che però non sembrano apprezzare il fenomeno. Perché, lamentano, è molto oneroso per loro. In altre parole, le commissioni che negozi e supermercati pagano su questi buoni pasto sono altissime e quindi a fronte di un valore nominale stampato su questi “cuginetti” degli assegni prepagati, ecco che il supermercato ci rimette.

Né il governo sembra avere compreso l’allarme. È vero che la Legge di Stabilità ha innalzato la defiscalizzazione dei ticket portandola dai 5,90 ai 7 euro, (il tetto esentasse era fermo da 15 anni. Ma la norma entrerà in vigore solo a età anno (il primo di luglio), e, soprattutto, sarà applicata solo alle card, ai buoni elettronici, un segmento che occupa il 15 per cento del mercato. Federdistribuzione chiede provvedimenti. E intanto alle famiglie chi pensa?

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:21+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto