In testa ai “desideri” degli italiani, RC Auto e Vacanze.

Indietro tutta: i dati stanno cambiando e la tendenza si inverte. Nel settore dei finanziamenti qualcosa si muove e la contrazione del 5,6% rilevata in realtà, nasconde alcune novità.

Gli italiani vogliono le rate. Soprattutto se devono pagare vacanze e Rc auto. Sono queste le voci che giustificano di più lo sforzo per un indebitamento e pazienza se si deve pagare gli interessi…

A dirlo l'osservatorio del comparatore Facile.it che attesta un aumento del 13% dell'importo medio richiesto per le vacanze (4.700 euro nell'analisi 2013, contro i 4.100 euro di quella relativa allo stesso semestre dello scorso anno).

Per la RC Auto, invece, si prediligono le offerte delle finanziarie proposte direttamente dall’agenzia di fiducia e qualche volta, sottoscrivendo delle carte di credito revolving offerte dalle compagnie stesse in accordo con dei circuiti di pagamento.

Attenzione però a leggere bene le condizioni (soprattutto di Taeg). Va tenuto conto che si tratterà di un numero che cambia necessariamente a secondo della cifra finanziata e della scelta del cliente se avvalesi di uno sconto sulla polizza o di facilitazioni nelle condizioni di pagamento.