Dai droni ai giunti hi-tech ecco tutti i sistemi antisismici più sofisticati

Dai droni ai giunti hi-tech ecco tutti i sistemi antisismici più sofisticati

Prima a Intergeo 2016, in Germania, poi a Saie 2016, la fiera che si è svolta a metà ottobre a Bologna, sono state presentate le più innovative applicazioni tecnologiche antisismiche.

Sono i droni a farla letteralmente da padroni, due in particolare: Aeromax4 e Beecopter 248g (già vincitore di un premio Saie Innovation). Se il primo sfrutta una tecnologia multisensore per rilievi fotogrammetrici, termografi e multispettrali, il secondo ha il vantaggio di “sapere” già volare e di poterlo fare anche nelle aree urbane.

Occhi puntati, naturalmente, sui materiali e in particolare sui pilastri, come Sismi Pdti e Smart Ptc, presentati da Tecnostrutture, e progettati perché sappiano integrare, il primo, un isolatore sismico elastometrico pre-installato, il secondo, invece, dotato di componenti smart (come dice il nome), tanto da farlo diventare un vero e proprio centro per la gestione coordinata degli impianti tecnologici di un intero edificio.

Sistemi di giunzione assolutamente avanguardisti portano la firma di Tecno K Giunti- quelli, per intenderci, che hanno fornito questi materiali al Bosco verticale di Milano, progettato da Stefano Boeri e multipremiato. L’azienda a Bologna ha presentato K3D, il giunto sismico, capace di compensare movimenti in entrambe le direzioni del piano.

ARTICOLI CORRELATI

2016-10-24T10:07:17+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto