La vera sfida è la “via della seta”

La vera sfida è la “via della seta”

Obiettivo Cina. Ormai non ci sono dubbi che il vero motore per lo sviluppo dei traffici marittimi e delle attività portuali punti lì. E allora via libera agli investimenti.

Il piano, secondo le stime dell’Osservatorio di Intesa Sanpaolo nell’ambito del rapporto sull’Economia marittima «Italian Maritime Economy», è di attivare oltre 1.000 miliardi di dollari per realizzare e rafforzare opere marittime, stradali, aeroportuali e ferroviarie, potrebbe stimolare una crescita dell’export italiano verso i Paesi del Far East, nel quadriennio 2017-2020, pari a circa 6 miliardi.

Si stima in sintesi una crescita media annua di traffici di poco meno del 3%, per un valore complessivo dell’export italiano di oltre 56 miliardi.

Marco Polo ringrazierebbe…

ARTICOLI CORRELATI

2017-06-26T08:42:37+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto