Il parere di Anna Fasoli

Ce l’abbiamo davvero fatta? Viene quasi di chiederlo sottovoce. L’iter di “gestazione” non è stato certo semplice e possiamo dire che sì, dopo due anni di rinvii nell’entrata in vigore, questo agosto2013 dovrebbe essere quello giusto. La legge 148/2011 (di conversione del dl 138/2011) sancisce all’articolo 3 punto 5 lettera e): "A tutela del cliente, il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall'esercizio dell'attività professionale. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza stipulata per la responsabilità professionale e il relativo massimale. Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione coi propri iscritti, dai Collegi Nazionali e dagli Enti previdenziali dei professionisti."

Un gesto importantissimo, di grande responsabilità. Un gesto che si situa in uno scenario di ampio respiro e concretezza. E per rendere più facile, più immediato e chiaro questo passaggio anche noi agenti di assicurazione ci dobbiamo impegnare a mettere “del nostro”, così che la protezione raggiunga il massimo raggio e la migliore adeguatezza alle reali esigenze di ogni singolo professionista.