Un ristorante in centro? L’apertura è consentita solo se propone cibi locali

Un ristorante in centro? L’apertura è consentita solo se propone cibi locali

L’iniziativa è partita dalla Toscana, da Firenze per la previsione, dove il sindaco ha scritto nero su bianco un diktat a cui non è facile sottrarsi. Chi aprirà un ristorante, una paninoteca o un negozio di alimentari nel centro storico di Firenze dovrà vendere al 70% prodotti toscani. A marchio Dop, Igp o nell’elenco delle tipicità agroalimentari della Regione. Tanto che qualcuno ha parlato di gastro-crociata.

Un’esagerazione? Forse no. E nemmeno del tutto ingiustificata. Basta passeggiare per uno dei meravigliosi centri storici delle moltissime città italiane per imbattersi in locali che vendono kebab, cibo (pseudo)cinese, patatine fritte olandesi & co. Insomma nemmeno McDonald’s pare più straniero…

ARTICOLI CORRELATI

2016-05-25T14:09:50+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto