Anche in tema di previdenza banche e assicurazioni hanno ruoli diversi. Il parere di Anna Fasoli

Anche in tema di previdenza banche e assicurazioni hanno ruoli diversi. Il parere di Anna Fasoli

Non ci dicano più che siamo intercambiabili. Non lo facciano per noi, certo, ma nemmeno per loro. E soprattutto si smetta di usare questa confusione di ruoli, che non agevola nessuno e anzi ostacola la trasparenza verso i clienti. Sto parlando della bizzarra, innaturale, sovrapposizione di business tra banche e assicurazioni.

La tendenza ha assunto ormai contorni stabili, e importanti. Eppure questo non appare sufficiente a dissipare i dubbi, i timori che ne derivano, e rispetto  cui si impone di non abbassare la guardia, soprattutto in tempi in cui tra il termine trasparenza e la sua attuazione reale sembrano spalancarsi voragini.

Insomma  banca e assicurazione non sono e non possono divenire sinonimi, nemmeno di funzione. A leggere l’infausto neologismo che suona come “bancassicurazione”, la mente non può omettere di associarne l’immagine all’ibridazione che richiama assai più il Minotauro della mitologia, mezzo uomo e mezzo toro, che non gli orizzonti intraprendenti di una nuova economia di scala, dove la sola regola da rispettare è quella del profitto. Certo, il profitto, ma quello “a tutti i costi” alla fine fa pagare il proprio prezzo all’intera società. Caro. Carissimo.

Basta guardarsi intorno, gettando l’occhio oltreoceano, esperienza che mi è stata offerta dall’aver partecipato ad un interessantissimo viaggio di studio per UEA, l’Unione Europea degli Assicuratori, di cui ho il privilegio di essere consigliere. Ebbene, l’equazione è presto fatta: se un paese dagli orizzonti di pieno liberismo come sono i variegati Stati Uniti d’America ha deciso che tra banche e assicurazioni, “il matrimonio non s’ha da fare”, che far confluire in un solo soggetto ruoli di finanziamento e di protezione può determinare uno snaturamento dell’uno o dell’altro fine – come a dire che non si può essere al tempo stesso l’insegnante di scuola del proprio figlio e anche il genitore; controllore e controllato; giudice e imputato -, significa davvero che il rischio è alto.

Né le decisioni giunte anche alla cronaca di importanti sanzioni comminate a quell’istituto bancario piuttosto che a quella compagnia assicurativa lasciano spazio al dubbio. 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:14+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto