Pensioni, rimborsi, la Consulta e la Signora Ferrero: ovvero come orientarsi nell’Italia del futuro

Pensioni, rimborsi, la Consulta e la Signora Ferrero: ovvero come orientarsi nell’Italia del futuro

  Strano mondo, quello in cui ci muoviamo, sempre più simile a una giostra, o un'altalena, forse una di quelle invenzioni da parco di divertimenti, fatta per mettere paura, adrenalina e pregare: voglio scendere.

Con la differenza che qui scendere non si può. E anzi, quando ci si ferma, come accade a fine lavoro, dunque con la tanto sospirata pensione, ecco che il rischio è di cadere dalla padella nella brace. Per capirci e guardando alle pensioni della Pa, le più monitorate: gli uomini continuano a percepire più delle donne,2.175,1 euro degli uni contro i 1.486 euro delle altre. 

La sperequazione nella distribuzione della ricchezza sul nostro territorio atterrisce l'Ocse, che fa sapere il tasso di povertà tra le famiglie italiane di lavoratori "non-standard" (autonomi, precari, part time) sia al 26,6%, contro il 5,4% per quelle di lavoratori stabili, e il 38,6% per quelle di disoccupati. In particolare, mostrano i dati Ocse, se si fissa a 100 il guadagno medio dei lavoratori con posto fisso, quello degli atipici si ferma a 57, con grosse disparità tra le varie categorie (72 per un lavoratore autonomo, 55 per un lavoratore con contratto a termine full time, 33 per un lavoratore con un contratto a termine part time).

E mentre una ricca fetta della popolazione (il 20%) si gode il 61,6% delle ricchezze nazionali, di cui il 32,1% spetta a un fortunato irrisorio 5% di Paperoni – Madame Ferrero (Nutella) in testa – la maggioranza degli italiani, il 60%, si deve tirare la coperta di uno sparuto 17,4%.

 Insomma meglio attivarsi subito …

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:20+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto