Ponte generazionale: una buona “staffetta”

Ponte generazionale: una buona “staffetta”

 Nella giungla delle novità in tema in previdenza ecco finalmente una buona notizia: il ministero del Lavoro ha emanato  a dicembre un decreto che facilita l’ingresso dei giovani verso l’occupazione, grazie a una sorta di solidarietà o "patto tra generazioni". 

 

Come? Favorendo un accordo a “cinque mani”. In pratica il lavoratore anziano può accettare di proseguire il proprio impiego all’interno di una struttura in part-time, a fronte di questo il giovane conquista un contratto stabile all'interno della stessa azienda; e i soggetti pubblici (vale a dire Regioni e province) si fanno carico di versare al l'Inps i contributi previdenziali aggiuntivi in favore del lavoratore anziano in modo tale da garantirgli un livello di copertura pensionistica adeguato. E il circolo (virtuoso) si chiude. Non male davvero!

Naturalmente  spetterà a Regioni e province siglare intese con l'Inps per quantificare l'onere finanziario degli interventi e per le comunicazioni inerenti i lavoratori coinvolti, così come fornire le specifiche sulle risorse da destinare a tale “ponte” e mostrare le attestazioni, ogni trimestre e a conclusione dell'intervento, delle risorse definitive utilizzate.

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:36+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto