Rc auto: non è solo il prezzo a fare la differenza

Rc auto: non è solo il prezzo a fare la differenza

 Che l’auto, in buona parte dell’Europa, sia un vero e proprio costo, capace di incidere sui bilanci familiari in maniera ormai molto importante, non lo può negare più nessuno. I dati sono di una chiarezza incontestabile: a giugno le immatricolazioni di auto nuove in Europa (Ue27+Efta) sono scese dell'1,7% annuo a 1,254 milioni di unità, e Fiat ha perso un altro -16,7% di calo nelle vendite.  “Un'isola infelice in un mercato mondiale che continua ad essere in crescita” è la definizione esatta.

Ma quali le cause, almeno per l’Italia? Certamente la pesante pressione fiscale che svuota le nostre tasche. Un ruolo fondamentale  spetta anche al caro-petrolio, che, negli ultimi mesi, ha attivato una concorrenza fortissima tra compagnie petrolifere. Una vera e propria guerra di saldi, tra Eni, Esso, Shell, TotalErg e Tamoil, che nel week end (sfruttando l’esodo), abbassano i costi al litro (fino a -20 centesimi) per incentivare l’afflusso di clienti.

Ma anche le compagnie assicurative sono spesso nel mirino delle associazioni consumatori, colpevoli, si dice, di aumentare indiscriminatamente i prezzi. Si moltiplicano, anche in Rete, i siti di chi mette a confronto costi, invita a fare preventivi, magari online, sottolienando quanto poco ci voglia e quanto si risparmi. In realtà non sempre è così. Anzi, a ben guardare, quasi mai. O meglio, sembra così fino a quando non accade un sinistro ed ecco che si rivela la brutta sorpresa.

Clicando semplicemente con un mouse, infatti, può essere accaduto di dare poco peso a taluni criteri richiesti, quelli dei chilometri percorsi annulamente per esempio, o delle ragioni per cui si usa l’auto (tragitto casa-lavoro, tempo libero ec).

Non si tratta solo di criteri tedenziali. Quelle risposte diventano elementi costituenti del contratto che si va a firmare.

Allora forse si è convinti di risparmiare perché si paga meno quel contratto ma quel risparmio rischia di diventare solo apparente. Si tratta di un taglio di costo perché c’è stato anche un taglio alla garanzia.

Per questo è importantissimo prestare la massima attenzione quando li si indica. O si rischiano, poi, nel caso di sinistro, spese esorbitanti per gli assicurati.

E per chi volesse una tutela davvero a 360°…

Per legge la polizza RC AUTO OBBLIGATORIA copre i danni che l’assicurato può cagionare a terzi nel caso in cui avvenga un incidente, ma non estende il proprio raggio di protezione a favore dell’assicurato,che, a seguito di controversia sull’incidente, abbia ragione. Si tratta oggi di eventualità molto frequenti, situazioni complesse e spinose, in cui l’assicurato si trova costretto a muoversi da solo. A sopperire a questa mancanza pensa la garanzia TUTELA LEGALE, un plus da aggiungere alla propria RC Auto e che, con un piccolo esborso ulteriore, offre all’assicurato un servizio oggi sempre più importante: con riferimento al veicolo cui la polizza si riferisce, la Compagnia si fa carico di rimborsare le spese per l’assistenza giudiziale e stragiudiziale sorte a seguito di controversia.

 

ARTICOLI CORRELATI

2016-11-23T10:51:39+00:00
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Leggi di più | Accetto