Lo ha sancito nero su bianco il Consiglio di Stato: “non si può bocciare in prima media”.

La ragione? Perché è un anno di grande passaggio, molto delicato. E non si può arrestare la carriera di un ragazzino, di una ragazzina sulla base delle valutazioni di due quadrimestri.

Insomma, ha approfondito la pronuncia, per decretare un giudizio sull’allievo occorre prendere in considerazione un periodo più ampio.

Per fortuna qualcuno se ne è accorto…