Nubi sempre più dense alla voce “fiducia”: le imprese italiane non ci credono. Secondo l’Istat, non solo la fiducia dei consumatori scende di oltre un punto, da 114,7 a 113,1. Solo il commercio al dettaglio di salva, con un indice di fiducia in crescita (da 102,1 a 104,8).

In realtà, quello che peggiora drasticamente è il clima economico che passa da 131,5 a 129,4, a fronte di un clima personale che scende da 108,9 a 107,0, quello corrente diminuisce da 111,5 a 110,0 e il clima futuro cala da 118,7 a 116.

E la fiducia, come abbiamo spesso scritto anche qui, ormai si sa, è voce di bilancio.