Lo stanno facendo per scelta. Tutte le grandi Company sposano lo smart working, inserendolo nei più recenti contratti collettivi, anche se, al momento, non ce ne sarebbe stato bisogno perché la normativa emergenziale regola la materia per tutti.

Ma la volontà è chiara ed esplicita.

La pandemia insomma è stata solo l’interruttore, la miccia accesa su una svolta che forse stavamo preparando da tempo. E ora si fa la conta dei numeri: da poco più di mezzo milione, una manciata di mesi fa, oggi i lavoratori che seguono questo regime quotidiano in Italia sono ben sei milioni e mezzo.

Una crescita esponenziale che non potrà non far riflettere anche tutto il comparto assicurativo su prodotti e protezioni capaci di far sentire al sicuro il lavoratore anche quando non è fisicamente in azienda, ufficio, ma di fatto mente corpo attenzione sono tutti proiettati lì.